Mi dispiace, il vostro browser non supporta Java(tm).
SEZIONE MONCALIERI
A.R.I.
Associazione Radioamatori Italiani
Italian Amateur Radio Association

_____________________________________________________

Sezione di Moncalieri - Moncalieri Section
P.O. Box 51 10024 Moncalieri - Italy

Sede: Piazza Barauda, 11 - loc. fraz. Barauda, Moncalieri (TO)

Centro Operativo: P.zza Fontanesi 3, 10153 Torino
Phone: 0339-8482833




Dal 23 marzo 2000
Libera circolazione di apparecchiature portatili e veicolari

La normativa

Decreto del Presidente della Repubblica 27 gennaio 2000, n. 64.

Regolamento recante norme per il recepimento di decisioni della Conferenza europea delle poste e delle telecomunicazioni (CEPT) in materia di libera circolazione di apparecchiature radio.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'articolo 87, comma quinto, della Costituzione;
Visto l'articolo 14 delle disposizioni preliminari alla tariffa doganale della Repubblica italiana approvate con decreto del Presidente della Repubblica 26 giugno 1965, n. 723, e successive modificazioni;
Visto il testo unico delle disposizioni legislative in materia postale, di bancoposta e di telecomunicazioni, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n. 156;
omissis
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 1° dicembre 1990 relativo al riconoscimento della licenza di radioamatore CEPT, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 5 del 7 gennaio 1991;
omissis
Sentite le competenti commissioni parlamentari;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 13 gennaio 2000; Sulla proposta del Ministro delle comunicazioni;

Emana il seguente regolamento:

Art. 1. Detenzione ed uso delle apparecchiature radio portatili e veicolari

  1. I cittadini appartenenti a Paesi della CEPT, in visita od in transito in Italia, possono detenere ed usare, nei modi e nelle bande di frequenze consentiti, le apparecchiature radio, portatili o veicolari, trasmittenti o ricetrasmittenti, monomodo o multimodo, monobanda o multibanda, nel rispetto delle seguenti condizioni:
    1. utilizzazione di servizi di telecomunicazioni autorizzati dall'Italia nelle bande di frequenze assegnate;
    2. approvazione amministrativa od omologazione, compatibilità elettromagnetica e relativa marcatura delle apparecchiature;
    3. c) conformità alla normativa vigente nel Paese di appartenenza.
Art. 2.

I soggetti di cui al comma 1, inoltre, possono:

  1. detenere ed usare le apparecchiature radio, portatili o veicolari, solo riceventi, per i servizi di radiodiffusione, di radiodeterminazione e di radioamatore, nonché per il servizio mobile a scopo di teleavviso personale;
    omissis
Art. 3.

Elenco delle apparecchiature e comunicazioni

  1. L'elenco delle apparecchiature che rispondono ai requisiti di cui all'articolo 1, comma 1, delle relative bande di frequenze e delle eventuali restrizioni di utilizzo e' approvato con decreto del Ministro delle comunicazioni
  2. Il presente regolamento, il decreto di cui al comma 1 e le successive modificazioni degli stessi sono comunicati all'ufficio europeo delle comunicazioni della CEPT.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addi' 27 gennaio 2000

CIAMPI
D'Alema, Presidente del Consiglio dei Ministri
Cardinale, Ministro delle telecomunicazioni
Visto, il Guardasigilli: Diliberto
Registrato alla Corte dei conti il 28 febbraio 2000 Atti di Governo, registro n. 119, foglio n. 9


Qui di seguito il testo integrale

Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n.69 del 23-3-2000
Sommario
LEGGI E ALTRI ATTI NORMATIVI
omissis

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 gennaio 2000, n.64

Regolamento recante norme per il recepimento di decisioni della Conferenza europea delle poste e delle telecomunicazioni (CEPT) in materia di libera circolazione di apparecchiature radio. Pag. 6
omissis
Decreto del Presidente della Repubblica 27 gennaio 2000, n. 64
Regolamento recante norme per il recepimento di decisioni della Conferenza europea delle poste e delle telecomunicazioni (CEPT) in materia di libera circolazione di apparecchiature radio.
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l'articolo 87, comma quinto, della Costituzione;
Visto l'articolo 14 delle disposizioni preliminari alla tariffa doganale della Repubblica italiana approvate con decreto del Presidente della Repubblica 26 giugno 1965, n. 723, e successive modificazioni;
Visto il testo unico delle disposizioni legislative in materia postale, di bancoposta e di telecomunicazioni, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 29 marzo 1973, n. 156;
Visti il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 31 gennaio 1983, con il quale e' stato approvato il piano nazionale di ripartizione delle radiofrequenze, pubblicato nel supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 47 del 17 febbraio 1983, e le successive modificazioni ed in particolare quelle di cui al decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 26 marzo 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 93 del 22 aprile 1998;
Visto l'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 1o dicembre 1990 relativo al riconoscimento della licenza di radioamatore CEPT, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 5 del 7 gennaio 1991;
Visto il decreto legislativo 12 novembre 1996, n. 614, che ha dato attuazione alla direttiva 91/263/CEE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle apparecchiature terminali di telecomunicazioni, incluso il reciproco riconoscimento della loro conformità, come modificata dalla direttiva 93/68/CEE ed integrata dalla direttiva 93/97/CEE;
Visto il decreto legislativo 12 novembre 1996, n. 615, che ha dato attuazione alla direttiva 89/336/CEE in materia di ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alla compatibilità elettromagnetica, modificata ed integrata dalla direttiva 92/31/CEE, dalla direttiva 93/68/CEE e dalla direttiva 93/97/CEE;
Visto il decreto legislativo 11 febbraio 1997, n. 55, che ha dato attuazione alla direttiva 94/46/CE che ha modificato le direttive 88/301/CEE e 90/388= /CEE nella parte relativa alle comunicazioni via satellite;
Vista la decisione 710/97/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 24 = marzo 1997 su un approccio coordinato di autorizzazione nel settore dei servizi di comunicazioni personali via satellite nella Comunità;
Visto il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 17 aprile 1997, n. 160, con il quale e' stato adottato il regolamento per la procedura di approvazione nazionale delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni;
Visti l'articolo 1, comma 3, e l'articolo 2, comma 1, lettera e), del decreto-legge 1o maggio 1997, n. 115, convertito, con modificazioni, dalla legge 1o luglio 1997, n. 189, recante disposizioni urgenti per il recepimento della direttiva 96/2/CEE sulle comunicazioni mobili e personali;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 19 settembre 1997, n. 318, concernente il regolamento per l'attuazione di direttive comunitarie nel settore delle telecomunicazioni;
Vista la decisione della Conferenza europea delle poste e delle telecomunicazioni (CEPT) ERC/DEC (98)01 del 1o dicembre 1995 sulla libera circolazione delle apparecchiature radio nei Paesi membri della CEPT, con particolare riferimento alle apparecchiature terminali GSM, DECT, OMNITRACS per sistema EUT ELTRACS, INMARSAT-C, INMARSAT-M e PR27;
Vista la decisione CEPT ERC/DEC(97)05 del 30 giugno 1997 relativa alla libera circolazione, all'uso ed alle licenze delle stazioni mobili terrestri peri servizi di comunicazioni personali via satellite (S-PCS) operanti nelle bande 1610-1626,5 MHz, 2483,5 - 2500 MHz, 1980-2010 MHz e 2170-2200 MHz nei Paesi CEPT;
Vista la decisione CEPT ERC/DEC(98)11 del 5 dicembre 1997 sulla libera circolazione e sull'uso delle apparecchiature terminali mobili DCS 1800;
Viste le decisioni CEPT ERC/DEC(98)01, 02, 03 e 04 che estendono le disposizioni recate dalla decisione CEPT ERC/DEC(95)01 alle apparecchiature terminali radio INMARSAT-D, INMARSAT-Telefono (anche noto come INMARSAT Mini-M), EM S-PRODAT ed EMS-MSSAT;
Considerata l'opportunità di favorire la mobilità dei cittadini e, quindi, la detenzione delle apparecchiature radio satellitari non solo su scala nazionale, ma anche su scala europea e mondiale così come sancito nella suddetta decisione 710/97/CE, e di estendere tale principio ad altre apparecchiature radio sulla base delle citate decisioni CEPT;
Sentito il Consiglio superiore tecnico delle poste e delle telecomunicazioni;
Udito il parere del Consiglio di Stato, reso nelle adunanze della sezione consultiva per gli atti normativi del 10 maggio 1999 e del 26 luglio 1999; Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata nella riunione del 22 ottobre 1999;
Sentite le competenti commissioni parlamentari;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 13 gennaio 2000;
Sulla proposta del Ministro delle comunicazioni;

Emana il seguente regolamento:

Art. 1.

Detenzione ed uso delle apparecchiature radio portatili e veicolari

  1. I cittadini appartenenti a Paesi della CEPT, in visita od in transito in Italia, possono detenere ed usare, nei modi e nelle bande di frequenze consentiti, le apparecchiature radio, portatili o veicolari, trasmittenti o rice-trasmittenti, monomodo o multimodo, monobanda o multibanda, nel rispetto delle seguenti condizioni:
    1. utilizzazione di servizi di telecomunicazioni autorizzati dall'Italia nelle bande di frequenze assegnate;
    2. approvazione amministrativa od omologazione, compatibilità elettromagnetica e relativa marcatura delle apparecchiature;
    3. conformità alla normativa vigente nel Paese di appartenenza.
  2. I soggetti di cui al comma 1, inoltre, possono:
    1. detenere ed usare le apparecchiature radio, portatili o veicolari, solo riceventi, per i servizi di radiodiffusione, di radiodeterminazione e di radioamatore, nonché per il servizio mobile a scopo di teleavviso personale;
    2. detenere ma non utilizzare le apparecchiature radio diverse da quelle di cui al comma 1 e di cui alla lettera a) del presente comma, se il relativo impiego e' consentito dal Paese di appartenenza e se risultano conformi a quanto disposto dal decreto legislativo 12 dicembre 1996, n. 615.
Art. 2.

Interferenze dannose ed integrità della rete

  1. Con riferimento alle disposizioni di cui all'articolo 1 e' fatta salva la normativa in materia di prevenzione ed eliminazione dei disturbi alle radiocomunicazioni.
  2. In caso di interferenze dannose per il funzionamento di altri impianti di telecomunicazioni nazionali ed esteri, autorizzati o registrati, l'apparecchiatura terminale radio e' immediatamente disattivata.
  3. In caso di inottemperanza il Ministero delle comunicazioni provvede alla disattivazione e, se necessario, al sequestro delle apparecchiature.
  4. A salvaguardia dell'integrità delle reti pubbliche di telecomunicazioni, l'utilizzazione delle apparecchiature di cui al presente decreto e' soggetta alle disposizioni di cui all'articolo 12 del decreto legislativo 12 novembre 1996, n. 614, ovvero a quelle dell'articolo 20 del decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 17 aprile 1997, n. 160.
Art. 3.

Elenco delle apparecchiature e comunicazioni

  1. L'elenco delle apparecchiature che rispondono ai requisiti di cui all'articolo 1, comma 1, delle relative bande di frequenze e delle eventuali restrizioni di utilizzo e' approvato con decreto del Ministro delle comunicazioni.
  2. Il presente regolamento, il decreto di cui al comma 1 e le successive modificazioni degli stessi sono comunicati all'ufficio europeo delle comunicazioni della CEPT.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Dato a Roma, addì 27 gennaio 2000
CIAMPI
D'Alema, Presidente del Consiglio dei Ministri
Cardinale, Ministro delle telecomunicazioni
Visto, il Guardasigilli: Diliberto.
Registrato alla Corte dei conti il 28 febbraio 2000
Atti di Governo, registro n. 119, foglio n. 9


GAZZETTA UFFICIALE DELLE REPUBBLICA ITALIANA DEL 4 MAGGIO 2000 N. 102

Decreto 17 aprile 2000

Elenco delle apparecchiature radio di libera circolazione

IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 27 Gennaio 2000, n.64, recante norme per il recepimento di decisioni della Conferenza europea delle poste e delle comunicazioni (CEPT) in materia di libera circolazione di apparecchiature radio

Considerato che l'art.3 del predetto decreto n.64. rinvia ad un successivo decreto del Ministro delle comunicazioni la redazione dell'elenco delle apparecchiature radio rispondenti ai requisiti di cui all'art. 1, comma 1, dello stesso decreto n. 64;

ART. 1

Le apparecchiature radio rispondenti ai requisiti di cui all'art. 1, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 27 Gennaio 2000, n.64, sono riportate nell'allegato al presente provvedimento, unitamente alle rispettive bande di frequenza ed alle eventuali restrizioni di utilizzo.

Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
Roma, 17aprile 2000
Il ministro CARDINALE

ALLEGATO ELENCO DELLE APPARECCHIATURE RADIO DI CUI ALL'ARTICOLO 1, COMMA 1
APPARECCHIATURE   BANDE DI FREQUENZA   EVENTUALI RESTRIZIONI

GSM 900 880-915 MHz
GSM 1800 (dcs 1800); 925-960 MHz; 1710-1785 MHz; 1805-1900 MHz
CB E PR27: 26,960-27,410 MHz (esclusi 26,995; 27,045; 27,095; 27,145; 27,195)
Massima potenza di uscita ammessa: 4W per modulazione di frequenza o fase; 5W per modulazione di ampiezza a doppia banda laterale o a banda laterale unica

RADIOAMATORI

Possesso della licenza di classe 1 della CEPT equivalente alla licenza ordinaria.
Per l'uso si rimanda alle norme di cui al decreto del Ministro delle Poste e delle telecomunicazioni 1 dicembre 1990
bande utilizzabili al di sotto dei 144 MHz:
135,7-138,8 kHz; 1830-1850 kHz; 3500-3800 kHz; 7000-7100 kHz; 10100 10110 kHz; 14000-14350 kHz; 18068-18168 kHz; 21000-21450 kHz; 24890 24990 kHz; 28000-29700 kHz; 50-51 MHz

RADIOAMATORI:

Possesso della licenza di classe 1 della CEPT equivalente alla licenza ordinaria o di classe 2 della CEPT equivalente alla licenza speciale.
Per l'uso si rimanda alle norme di cui al decreto del Ministro delle Poste e delle telecomunicazioni 1 dicembre 1990
bande utilizzabili da 144 MHz inclusi in su:
144-146 MHz; 432-434 MHz; 435-436 MHz; 1240-1245 MHz; 1296-1298 MHz; 2303-2313 MHz; 2440-2450 MHz; 5760-5770 MHz; 10,45-10,50 GHz; 24-25,05 GHz; 47-47,2 GHz; 75,5-76 GHz; 76-81 GHz; 119,98-120,02 GHz; 142-144 GHz; 144-149 GHz; 241 248 GHz; 248-250 GHz

RADIOAMATORI VIA SATELLITE:

Possesso della licenza di classe 1 della CEPT equivalente alla licenza ordinaria.Per l'uso si rimanda alle norme di cui al decreto del Ministro delle Poste e delle telecomunicazioni 1 dicembre 1990
bande utilizzabili al di sotto dei 144 MHz:
7000-7100 kHz; 14000-14350 kHz; 21200-21450 kHz; 28000-29700 kHz

RADIOAMATORI VIA SATELLITE:

Possesso della licenza di Classe 1 della CEPT equivalente alla licenza ordinaria o di classe 2 equivalente alla licenza speciale.
Per l'uso si rimanda alle norme di cui al decreto del Ministro delle Poste e delle telecomunicazioni 1 dicembre 1990
bande utilizzabili da 144 MHz inclusi in su:
144-146 MHz; 435-436 MHz; 436-438 MHz; 1267-1270 MHz; 2440-2450 MHz; 5650-5670 MHz; 5830-5850 MHz; 10,25-10,50; GHz 24-24,05 GHz; 47-47,2 GHz 75,5-76 GHz

Omissis....


[ HOME | SEZIONE | STATUTO | MAIL | GUESTBOOK ]